GIORNO 158 – ZHURIHEZHEN – 49 KM

0
98

I panorami che ci accompagnano in questi primissimi giorni di Cina sono molto simili a quelli lasciati in Mongolia: steppa arida e montagne innevate, sabbia e pascoli di bestiame, immense distese di terreno solcate da strade asfaltate.

Ci sono alcune piccole differenze che però stravolgono tutto l’insieme. I campi sono recintati e gli animali vivono in una situazione di “finta libertà”. Lo skyline è interrotto dai continui tralicci e dalle pale eoliche: non esiste un pezzetto di orizzonte libero. Ovunque c’è spazzatura e plastica, tanta plastica. La sensazione è che la Terra, tutt’intorno, sia sfruttata, spolpata, e abbandonata.

Pedaliamo su queste terre increduli, affranti e consapevoli, compassionevoli e fiduciosi, rispettosi, ribelli. Il Mondo è un posto meraviglioso, e per lui vale la pena ribellarsi, vale la pena lottare, vale la pena vivere più intensamente.

PS. La foto è l’eccezione che conferma la regola. Uno dei pochissimi scatti incredibilmente belli degli ultimi giorni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.