CI RACCONTIAMO

Siamo Elena e Andrea
Ci siamo incontrati da giovanissimi, quando ancora facevamo il Liceo, rispettivamente a 14 e 16 anni, e da quel momento non ci siamo più allontanati l’una dall’altro. Siamo cresciuti insieme, abbiamo vissuto avventure e disavventure, vacanze ma anche periodi di studio e di lavoro intensi.
Ci siamo appassionati delle stesse cose, ognuno col proprio modo di essere e di fare, ma con un unico obiettivo: ricercare la felicità, e condividerla insieme.
Ci siamo sposati e abbiamo maturato l’idea di realizzare qualcosa di straordinario: viaggiare e riscoprirci, vivere il mondo sperimentando stili di vita alternativi, riempire le nostre vite di emozioni e ricordi meravigliosi, essere felici.
Per raccontarci e raccontare di questo nostro progetto abbiamo creato AEnjoytravel, dove non a caso le prime due lettere rappresentano le iniziali dei nostri nomi.
“E la parola enjoy?” vi starete chiedendo. Be’ semplice, racchiude tutto il mondo, il mood con il quale ognuno di noi dovrebbe impostare la propria vita, l’obiettivo da perseguire e il fine ultimo della nostra stessa essenza: godere della propria esistenza, esserne soddisfatti e contenti, gustarsi anche la più piccola cosa che questo mondo ci regala, che la vita ci dona ogni giorno.

Andrea (1988)
Ingegnere, ex cestista con la passione per tutto ciò che è sport e amante del mondo tecnologico. Mi piacciono le sfide, e soprattutto prepararmi ad esse. Non amo molto, e difficilmente mi vedrete farlo, lanciarmi (anche letteralmente) in qualche nuova avventura o attività senza essermi adeguatamente preparato, o almeno credendo di averlo fatto.
Mi appassiono facilmente a tutto ciò che non conosco ma non credo ancora di aver trovato la mia strada, anche perché una sola mi sta un po’ stretta.
Adoro: la musica (tutta, senza eccezioni); andare al cinema; mangiare cose buone; oziare; fare sport (fare sport non fa rima con oziare e mangiare ma c’è una grossa differenza tra mangiare e oziare così per il gusto di farlo, e farlo dopo aver fatto attività fisica).
Non ho ancora imparato ad apprezzare: fare le cose per la prima volta; lo scorrere del tempo velocemente quando fai qualcosa che ti piace; la nuova regola sui “passi” nel basket.
Le prime 5 cose che mi vengono in mente della mia “To do list”: raccogliere i miei obiettivi in un’unica “to do list”; portare a termine un progetto personale; leggere i libri della mia “to read list”; definire il quinto punto.

Elena (1990)
Infermiera di professione, avventuriera nell’anima. Amante della natura e appassionata delle attività outdoor, delle cose fatte col cuore e fatte bene. Positiva ed empatica, fiduciosa delle persone e della potenza dell’amore. Sono la sognatrice della coppia. Fin troppo meticolosa, e a volte imprudente.
Adoro: il bosco e i fiori, la natura in tutte le sue stagioni; le sorprese, soprattutto quelle inaspettate; condividere un sorriso, un abbraccio, un’emozione, una tazza di tè, qualunque cosa; gli occhi della mia migliore amica, gli abbracci di mio marito, il sorriso dei miei genitori; i gatti, specialmente la mia, e le loro fusa; cucinare e mangiare, scoprire nuovi sapori, nuovi odori, nuovi colori; i film, andare al cinema e i trailer che fanno vedere prima della proiezione; le polaroid e i ricordi dei tempi passati; l’odore della pioggia e dell’erba appena tagliata; camminare a piedi nudi, e senza la biancheria intima; i libri e la musica suonata dal vivo, tutti i libri e ogni tipo di musica; i sogni delle persone, e anche i miei, e pensare che sia possibile realizzarli.
Non ho ancora imparato ad apprezzare: il traffico e l’inquinamento; i pettegolezzi e la cattiveria di alcune persone; chi investe ore sui social network o davanti alla televisione; il tempo che passa e il tempo impegnato male.
Le prime 5 cose che mi vengono in mente della mia “To do list”: dormire all’aperto e ammirare le stelle; nuotare con le balene; mangiare street food “all around the word”; fare il PCT dall’inizio alla fine; scrivere un libro.